Login Form

IMBALLAGGI

  • Categoria: Ambiente
  • Pubblicato: Mercoled√¨, 01 Aprile 2020 00:00
  • Scritto da Maria Grazia Sereni

 

coolpaste

Nell’ambito della lotta ai rifiuti, cercare di ridurre gli imballaggi è sicuramente una priorità. Per molti prodotti alimentari e non, negli ultimi anni siamo riusciti a trovare alternative più sostenibili grazie all’impiego di materiali biodegradabili o all’eliminazione del packaging, come nel caso degli prodotti venduti sfusi tra cui troviamo alimenti e cosmetici solidi, ad esempio.

Le confezioni di dentifricio in pasta rimanevano uno scoglio difficile da superare. Sebbene si trovino in commercio dentifrici in crema venduti in barattoli di vetro, dentifrici solidi e dentifrici in pastiglie, fino a oggi non esisteva un’alternativa sostenibile al tubetto in plastica o alluminio cui siamo abituati.

Un progetto accademico portato avanti da Allan Gomes per l’Università Federale del Minas Gerais sembra però aver trovato finalmente una soluzione, sviluppando un imballaggio sostenibile del tutto simile al caro vecchio tubetto di dentifricio.

Gomes si è ispirato all’attuale confezione del noto dentifricio Colgate che ha ridisegnato in modo più moderno e soprattutto ecologico.

Il nuovo packaging, chiamato Coolpaste, non prevede la confezione esterna in cartone e si limita a un tubo prodotto con materiali riciclabili e biodegradabili capaci di garantire la conservazione del prodotto e di resistere durante il trasporto e lo stoccaggio del dentifricio.

I tubetti sono stati progettati per poter essere appesi anziché impilati, così da non rischiare che si schiaccino e si rovinino. Le nuove confezioni, inoltre, non prevedono l’uso di inchiostri chimici potenzialmente nocivi.

Grazie alle caratteristiche del nuovo tubetto, si potrebbero risolvere i problemi logistici e ambientali legati al packaging dei dentifrici che, fino a oggi, non avevano

ancora trovato una soluzione.

Tatiana Maselli