Login Form

MORSI E GRAFFI FELINI

  • Categoria: Mondo felino
  • Pubblicato: Mercoled√¨, 17 Giugno 2020 00:00
  • Scritto da Maria Grazia Sereni

 

v mondo felino 131

Se un micio morde o graffia una persona, in base alla legge è previsto che esso venga, per un periodo di almeno 10 giorni, posto sotto osservazione del servizio veterinario della Asl.

Tale osservazione è resa obbligatoria anche quando il gatto sia stato vaccinato contro la rabbia.

Colui che si prende cura del gatto può anche richiedere, sotto la propria responsabilità, che durante i 10 giorni di osservazione prescritti per legge il suo animale possa rimanere in casa. In questo caso il proprietario dovrà impegnarsi a custodire il micio, a non farlo uscire, a non permettergli contatti con altri animali e neppure con altre persone.

Se dovesse presentarsi un caso del genere, potrete rivolgervi al servizio veterinario della Asl di zona che fornirà notizie più dettagliate.

Poniamo che voi o qualcuno della vostra famiglia sia morso da un gatto randagio o sospetto tale bisogna:

•        Rivolgersi immediatamente al proprio medico di base che deciderà, se necessario, di effettuare una vaccinazione antirabbica che potrebbe salvarci la vita.

•        Disinfettare immediatamente la ferita o, qualora non fosse possibile, pulirla con acqua e sapone.

•        Impedire al micio di mordere altre persone e, quindi, cercare di trattenerlo, senza rischiare morsi o graffi, per farlo controllare dal servizio veterinario della Asl.

•        Se fosse impossibile e il gatto dovesse scappare, occorre avvertire comunque la Asl descrivendo nei dettagli il micio.

Un’incongruenza è questa: nell’ambito della profilassi antirabbica la legislazione italiana prevede la cattura dei cani randagi ma non quella dei gatti!