Login Form

TIRAMINA

  • Categoria: Salute
  • Pubblicato: Mercoled√¨, 03 Febbraio 2021 00:00
  • Scritto da Maria Grazia Sereni

 

TIRAMINA

La Tiramina: è un amminoacido, ed è il prodotto derivante dalla decarbossilazione dell’amminoacido tirosina.

La tiramina stimola la secrezione di catecolamine (dopamina, adrenalina e noradrenalina). La tiramina viene prodotta durante il normale metabolismo della tirosina e si ritrova in svariati alimenti.

La liberazione di noradrenalina dalle vescicole neuronali, favorita dall’ingestione di tiramina, determina vasocostrizione ed aumenta la frequenza cardiaca, ne consegue un sensibile rialzo pressorio.

Nell’organismo umano, la tiramina viene metabolizzata dalle monoamminossidasi, enzimi deputati alla neutralizzazione di neurotrasmettitori come adrenalina, dopamina, noradrenalina e serotonina.

Esistono dei farmaci i MAO-inibitori che hanno proprietà antidepressive che in rapporto alla dose assunta e alla presenza di tiamina vanno in contrasto con la tiramina stessa e si possono scatenare: crisi ipertensive, cefalee, emicranie, nausea, vomito, ipersudorazione, palpitazioni, irritabiltà.

La tiramina contenuta nei cibi, varia fortemente dalle differenze di lavorazione, fermentazione, maturazione, degradazione, o contaminazioni. I cibi che solitamente contengono basse quantità di tiramina potrebbero divenire a rischio se vengono consumati in quantità elevate.

Un elenco di alimenti che contengono tiramina: i formaggi (di più i fermentati e/o a lunga stagionatura); vino - bevande alcoliche e anche la birra analcolica e bevande fermentate; lievito di birra o estratti di lievito; tutti i prodotti di soia, più in particolare i fermentati, elevati livelli di tiamina li troviamo nella salsa di soia, tofu, miso e salsa teriyaki; tempeh; spinaci, pomodoro, crauti, melanzane, cavoli, patate, fave, banane, fichi, arance, prugne, ananas, avocado, uva, frutta secca; cioccolato; pesci non freschi, conservati, in salamoia,  come: tonno, acciughe, aringa, caviale, cocktail di gamberetti; carne non fresca-conservata, in salamoia,  insaccati (salsiccia, salumi, mortadella), brodi di carne, selvaggina.